Via Ca' Ricchi, 14 S. Lazzaro di Savena (BO)

LUN - GIO 8:00-12:30 14:00-18:30
VEN 8:00-12:30

LavoraSicuro

Aggiornamenti gratuiti su normative, innovazione e curiosità sul mondo della sicurezza.

NUOVO DECRETO CONTROLLI E IL MANUTENTORE ANTINCENDIO QUALIFICATO

Il 1° settembre 2021 è stato emanato il Decreto del Ministero dell’Interno sui “Criteri generali per il controllo e la manutenzione degli impianti, attrezzature ed altro sistemi di sicurezza antincendio, che andrà in vigore il 26 settembre 2022. Tale decreto stabilisce i criteri per il controllo e manutenzione di tutti i dispositivi e impianti antincendio. La principale novità del decreto è l’introduzione della figura professionale del tecnico manutentore qualificato, formato da corsi specifici.

Cosa devi sapere?

Fino a questo decreto non vi erano delle particolari linee guida su come diventare uno specialista della manutenzione antincendio. È nato così il cosiddetto Decreto Controlli.

Il decreto controlli definisce:

  • Manutenzione: le attività finalizzate a mantenere efficienti e in buono stato gli impianti, le attrezzature e tutti gli altri sistemi di sicurezza antincendio
  • Tecnico manutentore qualificato, persona che possiede tutti i requisiti tecnico-professionali
  • Qualifica, quella ottenuta da chi segue i corsi di formazione per diventare manutentore antincendio
  • Controllo periodico, tutte le operazioni da svolgere per controllare che gli impianti, le attrezzature e tutti gli altri sistemi di sicurezza antincendio stiano funzionando
  • Sorveglianza, l’insieme di controlli visivi che bisogna effettuare per assicurarsi che non ci siano manomissioni su impianti, attrezzature e tutti gli altri sistemi di sicurezza antincendio

Ti potrebbe interessare: "COME SI USA UN ESTINTORE"

Ti serve, inoltre, sapere che:

  1. Per diventare manutentore antincendio bisogna seguire dei corsi e sostenere un esame.
  2. La qualifica dura tre anni, ciò significa che bisognerà aggiornarsi continuamente

Docenti, corsi di formazione ed esame di idoneità

Per diventare tecnico manutentore antincendio è necessario seguire dei corsi di formazione con docenti e soggetti formatori qualificati.

I docenti che si occupano di questo tipo di preparazione devono possedere almeno un diploma di istruzione secondaria superiore e conoscere da almeno tre anni le leggi e i regolamenti del settore della manutenzione, della formazione, della sicurezza e della salute dei luoghi di lavoro e della tutela dell’ambiente.

Al momento dell’entrata in vigore del decreto, i soggetti che svolgono attività di manutenzione da almeno tre anni, sono esonerati dalla frequenza dei corsi, ma devono comunque essere sottoposti all’esame presso il comando dei Vigili del Fuoco.

Di seguito tutti gli impianti, le attrezzature e i sistemi di sicurezza antincendio che vengono indicati nel decreto:

  • Estintori di incendio portatili e carrellati
  • Reti idranti antincendio
  • Porte resistenti al fuoco (porte tagliafuoco)
  • Sistemi sprinkler
  • Impianti di rilevazione ed allarme incendio (IRAI)
  • Impianti di diffusione sonora degli allarmi con altoparlanti (EVAC)
  • Sistemi di spegnimento ad estinguente gassoso
  • Sistemi per lo smaltimento del fumo e del calore naturali (SENFC) e forzati (SEFFC)
  • Sistemi a pressione differenziale (PDS)
  • Sistemi a schiuma
  • Sistemi ad aerosol condensato
  • Sistemi a riduzione di ossigeno (ORS)
  • Sistemi ad acqua nebulizzata (Water Mist)

Per ogni profilo sono indicati i contenuti della formazione e il numero di ore di formazione da svolgere, sia teorica che pratica.

L’esame d’idoneità stabilisce la valutazione delle conoscenze e abilità acquisite durante il periodo di formazione.

Per diventare manutentore antincendio qualificato bisogna sostenere le seguenti prove:

  • Una prova scritta, che prevede due modalità, la prima consiste in 20 domande a risposta chiusa, la seconda, in 6 domande a risposta aperta
  • Una prova pratica, che valuta le abilità operative e comportamentali
  • Una prova orale, per approfondire le conoscenze 

Se le prove andranno a buon fine ai soggetti verrà rilasciato un certificato di qualifica da parte del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco.

 

Quali sono i compiti del tecnico manutentore antincendio qualificato?

Come detto finora bisogna seguire percorsi di formazione affinché si possa ottenere l’idoneità e svolgere la mansione di manutentore antincendio qualificato. In particolare, il manutentore imparerà a:

  • Eseguire i controlli documentali
  • Eseguire i controlli visivi e di integrità dei componenti
  • Eseguire i controlli funzionali, manuali o strumentali
  • Eseguire le attività di manutenzione necessarie a seguito dell’esito dei controlli effettuati
  • Eseguire le registrazioni delle attività svolte su supporto cartaceo o digitale
  • Eseguire le attività di manutenzione secondo le norme e le procedure relative alla sicurezza e alla salute dei luoghi di lavoro e alla tutela dell’ambiente
  • Relazionarsi con il datore di lavoro (o responsabile dell’attività) in merito alle attività di controllo e manutenzione
  • Coordinare e controllare l’attività di manutenzione

Il 26 settembre 2022 il decreto andrà in vigore e tutte le aziende che si occupano di manutenzione antincendio che dovranno aggiornarsi a queste nuove disposizioni

Noi di Oxa, stiamo già provvedendo ad aggiornare i nostri manutentori antincendio secondo le loro competenze.

Senza titolo-3Questa tabella indica Norme e specifiche tecniche di riferimento per la manutenzione e il controllo di impianti, attrezzature ed altri sistemi di sicurezza antincendio.

ico_form

Compila il form per maggiori informazioni

ISCRIVITI AL BLOG

     

    New call-to-action

     

    New call-to-action

     

    New call-to-action

     

    New call-to-action