Via Ca' Ricchi, 14 S. Lazzaro di Savena (BO)

LUN - GIO 8:00-12:30 14:00-18:30
VEN 8:00-12:30

LavoraSicuro

Aggiornamenti gratuiti su normative, innovazione e curiosità sul mondo della sicurezza.

GUANTI DA LAVORO PER RISCHIO TERMICO, NORMA UNI EN 407

I rischi termici rientrano tra i pericoli a cui sono sottoposti i lavoratori in determinati ambiti di impiego.

Il legislatore europeo è intervenuto per definire caratteristiche peculiari dei guanti antinfortunistici idonei a proteggere le mani da possibili conseguenze legate all’eccesso di calore.

 

Ti potrebbe interessare anche: "LE PRINCIPALI CARATTERISTICHE DEI GUANTI DA LAVORO"

 

Cosa prevede la norma in relazione ai guanti contro i rischi termici

In relazione ai guanti di protezione contro il calore la norma UNI EN 407 prevede la definizione di:

- metodi di prova

- requisiti generali

- livelli di prestazione termica

- marcatura dei guanti per la protezione delle mani dall’eccesso di calore

 

Questo tipo di dispositivi di protezione individuale è finalizzato a tutelare le mani, come indicato nella norma, da “fuoco, calore per contatto, radiante, convettivo, piccoli spruzzi o grandi proiezioni di metallo fuso”.

 

Nel D.Lgs. 475/92, inoltre, i guanti di protezione sono suddivisi in tre categorie in base al grado di rischio.

 

 

Clicca qui e scarica subito Gratis la guida completa per scegliere il miglior guanto per la protezione delle mani più adatto alla tua professione!

 

 

EN 407: non vi rientrano i guanti per la lotta antincendio e i rischi da saldatura

rischio termico

Occorre però prestare attenzione, dal momento che i guanti che rientrano in questa normativa non tutelano dai rischi più specifici quali quelli derivanti da attività antincendio o di saldatura.

 

I guanti di protezione dal calore devono soddisfare le seguenti caratteristiche in base alla norma EN 407, ovvero:

  • scarsa infiammabilità o propagazione della fiamma
  • ridotta trasmissione di calore (azione protettiva da calore radiante, convettivo e da contatto in seguito specificati)
  • elevata resistenza termica

 

Ti potrebbe interessare anche: "INFORTUNI ALLE MANI: I RISCHI CONNESSI AD ATTIVITÀ LAVORATIVE E HOBBY"

 

Criteri di distinzione dei rischi c.d. termici

I criteri di classificazione e distinzione di questi guanti di protezione sono molto scrupolosi a seconda dei rischi da cui devono proteggere.

 

Abbiamo pertanto:

 

- Protezione dall'accensione:

Il guanto di lavoro, per superare il test, viene esposto a una fiamma di gas per 15 secondi. Successivamente viene misurato dopo quanto tempo il materiale di realizzazione del guanto smette di bruciare.

Per il livello di prestazione massimo è 4, il tempo di persistenza della fiamma 2 secondi; il tempo di incandescenza residua è invece di 5 secondi.

 

- Protezione dal calore da contatto:

In questo caso viene effettuata la misurazione della temperatura (da 100 °C a 500 °C) alla quale il guanto è chiamato a proteggere la mano per 15 secondi, senza un riscaldamento del lato interno di oltre 10 °C.

Il livello di prestazione massimo è 4 pari a più di 500 °C.

 

- Protezione dal calore convettivo

Per calore convettivo ci si riferisce a quello che penetra lentamente all’interno del guanto.
Per raggiungere i livelli di protezione stabiliti dalla norma si prende in considerazione la misurazione dell'intervallo di tempo durante il quale il dpi è in grado di rallentare l’aumento della temperatura del lato interno, attraverso la penetrazione del calore sprigionato da fiamme libere, di oltre 24 °C.

Il livello di prestazione massimo è 4.

 

- Protezione dal calore radiante:

Il guanto da lavoro è sottoposto a radiazione termica. Si misura il tempo impiegato dal calore per penetrare all'interno del guanto.

Livello di prestazione massimo 4 per una durata di almeno 150 secondi.

 

- Protezione dal gocciolamento di metallo fuso:

Viene misurato il numero di gocce di metallo fuso necessarie ad aumentare la temperatura tra il materiale del guanto e la pelle di 40 °C.

Il livello di prestazione massimo è 4 pari con oltre 35 gocce.

 

- Protezione da metallo fuso:

La misurazione riguarda la quantità di ferro fuso in grammi che va a danneggiare una pelle artificiale in PVC fissata sul lato interno del guanto, in modo da simulare la pelle umana.

Il livello di prestazione massimo è 4 pari a 200 grammi.

 

Ti potrebbe interessare anche: "L’EVOLUZIONE TECNOLOGICA STA CAMBIANDO IL SETTORE DEI GUANTI DA LAVORO"

 

Ulteriori elementi da valutare

rischio termico

In base alla prova stabilita dalla norma DIN EN 407, i guanti protettivi vengono classificati con un livello di prestazione in riferimento a ognuno dei singoli pericoli termici.

Un aspetto importante da considerare: il guanto non deve venire a contatto con fiamme libere se durante le prove della resistenza al fuoco non soddisfa il livello di prestazione 3.

Vuoi scoprire tutte le tipologie di guanti per la protezione delle mani più adatte alla tua professione?

Scarica gratis la guida completa

 

New call-to-action

ico_form

Compila il form per maggiori informazioni

ISCRIVITI AL BLOG

     

    New call-to-action

     

    New call-to-action

     

    New call-to-action

     

    New call-to-action